Seleziona una pagina
Chiusura estiva “Sportello Effe”

Chiusura estiva “Sportello Effe”

Lo Sportello Effe, spazio rivolto alle donne che si occupa della promozione del benessere femminile, aperto tutti i martedì dallo scorso aprile, sarà chiuso nel mese di agosto, ma sarà possibile rimanere in contatto con le operatrici della Cooperativa Semi di Senape che lo gestiscono, attraverso la mail monditondi.centrofamiglia@gmail.com


Le attività riprenderanno a settembre, con l’organizzazione di un nuovo corso di italiano per la patente in collaborazione con l’Aps Cambalache, un secondo percorso di Tecniche di ricerca attiva del Lavoro in collaborazione con l’Informagiovani di Alessandria, l’organizzazione di un corso sul volontariato e la cittadinanza attiva a supporto, in particolare, di donne in difficoltà e loro figli minori.

Apertura e orari

Dal 30/8/2022, tutti i martedì al mattino dalle ore 9.30 alle ore 11.30 e al pomeriggio dalle ore 15 alle ore 17.

Lo Sportello Effe accoglie su appuntamento al cell. 3516626930 O email monditondi.centrofamiglia@gmail.com (Gli appuntamenti possono essere fissati anche fuori dagli orari di apertura al pubblico.)

Chiusura estiva “Sportello Effe”

Progetto EFFE – L’Italiano per … prepararsi all’esame della patente

In partenza l’innovativo corso di italiano pensato per supportare le donne straniere che devono affrontare l’esame di teoria per la patente.

Non è banale: il linguaggio a tratti molto tecnico a tratti burocratico dei quiz e dei manuali e il registro linguistico così lontano dalla lingua colloquiale possono mettere in seria difficoltà anche persone che in altri ambiti se cavano bene con l’italiano. Eppure la patente è uno strumento importante per il lavoro e la vita quotidiana, senza il quale la famosa integrazione e l’autonomia sembrano molto più difficili.

Avere la patente significa per le donne essere libere di muoversi senza chiedere il favore di essere accompagnate, non dover rifiutare un lavoro lontano da casa, uscire quando se ne ha bisogno, o voglia, indipendentemente dall’orario dei mezzi pubblici. In una parola, essere autonome. Tutte cose a cui una donna non deve rinunciare.

Il Progetto Effe, avviato dall’Associazione Don Angelo Campora e dall’aps Colibrì, sperimenta questo importante percorso formativo con un modulo mirato ad avvicinare gradualmente alla comprensione del linguaggio dei quiz e a supportare la preparazione delle iscritte con esercitazioni guidate attraverso l’utilizzo di materiali ad hoc, in uno spazio, il Centro Famiglia Mondi Tondi, che consente di portare con sé i propri figli perché attrezzato per le esigenze dei bambini e supportato da personale educativo a disposizione.

L’iniziativa nasce dalla richiesta delle donne straniere che si sono rivolte allo Sportello Effe in questi mesi: da loro è emerso il bisogno molto sentito di un supporto linguistico per l’esame della patente per guidare l’auto. Bambini da allevare, spesa, soldi, cucinare, mille lavori da badante, domestica, se va bene cuoca, più spesso nelle cooperative delle pulizie con orari in genere notturni negli ospedali o cartellini da timbrare per tirare a lucido fabbriche e uffici prima dell’apertura. Sposate o sole, in fuga da mariti violenti, da uomini che le vogliono rispedire a casa con i figli, o abbandonate con cento pannolini da cambiare, senza soldi, in un paese di cui sanno poco e faticano anche a parlare la lingua… Può sembrare una piccola cosa, una goccia nel mare dei bisogni quotidiani, ma è un gradino per salire le scale, inseguire un lavoro. Quel gradino è stato costruito dalle donne per altre donne, dalla collaborazione delle operatrici dell’Associazione Don Angelo Campora, dell’aps Colibrì, del Cissaca, dell’aps Cambalache, e della cooperativa Semi di Senape che hanno trovato le condizioni perché il corso potesse attivarsi, unendo risorse, prendendo accordi, insieme alle mediatrici, per tempi, orari e sede del corso.

Programma, date e durata

Il corso “Italiano per la patente” è un corso di preparazione al corso di teoria per la patente di guida, rivolto a donne straniere (MAX 10) con una conoscenza della lingua italiana di minimo livello. Chi frequenterà questo corso sarà dunque preparato per comprendere al meglio le lezioni della scuola guida, che saranno in ogni caso indispensabili per il superamento dell’esame di teoria della patente.

Il corso si svolgerà a partire dal 5 luglio e fino al 26 luglio, ogni martedì dalle ore 14.00 alle ore 16.00 presso il Centro Famiglia Mondi Tondi in via Parnisetti ang. Via Cornaglia. L’iscrizione è gratuita e si può effettuare mandando una mail a monditondi.centrofamiglia@gmail.com o telefonando al 3516626930

Partner: Aps Colibrì, CGIL Alessandria, Radio Gold, Aps Cambalche, Cissaca, Comune di Alessandria, coop. Semi di Senape, ASM Costruire Insieme, Associazione Cultura e Sviluppo, AslAl SerD, SAOMS di Capriata d’Orba, Global Thinking Foundation

Il Pranzo degli Illegali, la commedia dei piatti vuoti e delle risate in tavola – La Replica

Il Pranzo degli Illegali, la commedia dei piatti vuoti e delle risate in tavola – La Replica

Sabato 25 giugno (ore 21.15) a Rivarone Salone dei Ciliegi, un invito a pranzo speciale per tutti gli alessandrini: l’invito a “Il Pranzo” della compagnia teatrale Gli Illegali.

In un immaginario agriturismo piemontese, dove i piatti rimangono costantemente vuoti, un’eterogenea comitiva di amici porta in tavola le proprie convinzioni sul cibo e si accende il confronto tra: Sally la vegetariana osservante, Beppe l’irriverente buongustaio, Caterina la scrupolosa salutista e Simone, l’irriducibile amante della “carne”, che si è travestito da agnellino per sedurre Sally.

Il risultato? Un’esilarante commedia tutta vissuta intorno al tavolo, in cui Marisa, cuoca dell’agriturismo, continuerà a proporre ai suoi ospiti, con crescente esasperazione, i piatti storici della cucina piemontese, senza riuscire a metterli d’accordo su alcuno di essi. Un pranzo che nega ed evoca nello stesso tempo l’idea della convivialità. In cui nessuno mangia, ma tutti parlano di cibo senza riuscire a intendersi e la carrellata dei piatti raccontati, dall’antipasto al dolce, si accompagna alle audaci proposte di Simone, comicamente fraintese dall’ingenua Sally, e alle incontenibili battute del buongustaio Beppe, che si diverte a provocare tutti quanti e in particolare la propria apprensiva consorte, Caterina.

“Abbiamo iniziato a scrivere questo testo nel lontano 2018 quando ancora ci si poteva sedere al ristorante tutti insieme senza green pass – racconta Silvia Benzi, coautrice della commedia con il regista Massimo Brioschi – Volevamo parlare di cibo e condivisione e delle discussioni che possono nascere intorno al tavolo oggi che l’argomento cibo, da anni al centro dell’attenzione mediatica, è sempre più fonte di opinioni e visioni del mondo spesso opposte e inconciliabili. Lo avevamo pensato come uno spettacolo agile e conviviale da portare in giro sulle piazze degli eventi gastronomici e nelle sale di locali e ristoranti …mentre la gente mangia… Poi durante i primi mesi del 2020 abbiamo interrotto le prove per la pandemia e nel momento in cui ogni riunione in presenza è stata vietata, la nostalgia di una convivialità anche imperfetta e ricca di discussioni e polemiche, come quella raccontata nella commedia, è stata fortissima. Oggi, dopo l’esperienza della privazione della vita sociale, fare teatro ritrovandoci ancora a un tavolo tutti insieme (anche per litigare finalmente in presenza) ha un sapore e un significato nuovo per noi, una gioia che speriamo di trasmettere e condividere con il nostro pubblico”.


La commedia, realizzata dalla Compagnia Gli Illegali in collaborazione con BlogAL, fa parte delle attività del progetto Borgo del Teatro – l’Archivio delle Storie in collaborazione con FITA Piemonte e Federazione Italiana Teatro Amatori

In scena ci saranno gli attori della Compagnia: Silvia Benzi, Claudia Chiodi, Antonio Coccimiglio, Luigi Di Carluccio e Monica Lombardi. Regia di Massimo Brioschi, testi di Silvia Benzi e Massimo Brioschi, scenografia di Elisabetta Buratto, tecnico audio e luci Renza Borello, con la collaborazione e il supporto di Cristina Forcherio, fotografia Patrizia Battegazzore.

Vi aspettiamo sabato 25 giugno 2022 alle ore 21.15 presso il Salone dei Ciliegi di Rivarone, ingresso libero.

Sportello Effe

Sportello Effe

Dal 12 aprile apre lo “Sportello Effe”
presso il Centro Famiglia Mondi Tondi

Un punto di aggregazione e di ascolto volto alla crescita dell’autostima e della consapevolezza della donna per l’inserimento sociale e lavorativo nella nostra realtà.



Lo Sportello Effe è uno spazio rivolto alle donne che si occupa della promozione del benessere femminile, pensato e realizzato nell’ambito del progetto “EFFE” dell’Associazione Don Angelo Campora in collaborazione con l’Associazione Colibrì. Durante gli orari di apertura dello sportello le operatrici accoglieranno le donne ascoltando le loro richieste e bisogni relativi a semplici informazioni o ad altre problematiche legate al loro benessere psicofisico, familiare e sociale. A seconda dei bisogni emersi l’operatrice concorderà con la donna l’intervento più adeguato quale un percorso di sostegno su tematiche legate alla vita relazionale, legali, di orientamento al lavoro, di sostegno alla genitorialità.



Lo sportello garantisce riservatezza ed è supportato: dalle operatrici della Cooperativa Semi di Senape che ascoltano, orientano, forniscono alle donne le informazioni necessarie rispetto alle possibilità d’intervento più utili al caso specifico, dando indicazioni sulle diverse risorse pubbliche e private disponibili sul territorio dalla Rete delle Professioniste, ovvero la collaborazione di figure professionali che offrono volontariamente un po’ del loro tempo e della loro competenza in diversi settori: psicologhe, commercialiste, avvocatesse, educatrici, orientatrici, consulenti del lavoro e molte altre dalla sinergia con le Istituzioni e il mondo del no profit per fornire risposte adeguate e complementari: Amministrazioni Comunali, Consorzi, Asl, cooperative e associazioni, organizzazioni sindacali…


Si tratta di un sostegno per condividere attività e momenti di riflessione volti alla crescita e al benessere personale, in un clima accogliente, tra un tè e un caffè, per occuparsi di consapevolezza, cura di sé, dei temi che riguardano la vita delle donne. Le mamme possono partecipare assieme ai loro bambini, poiché Mondi Tondi è un Centro Famiglia che dispone di uno spazio adeguato dove i piccoli possono essere seguiti da personale qualificato.


Apertura e orari

Dal 12/4/2022, tutti i martedì al mattino dalle ore 9.30 alle ore 11.30 e al pomeriggio dalle ore 15 alle ore 17 Lo Sportello Effe accoglie su appuntamento al cell. 3516626930 O email monditondi.centrofamiglia@gmail.com

Gli appuntamenti possono essere fissati anche fuori dagli orari di apertura al pubblico. 


Informazioni aggiuntive ed Iscrizioni

Sono aperte, inoltre nell’ambito dello stesso progetto, le iscrizioni al corso per baby sitter, una formazione di 36 ore sui temi del gioco, della salute e del benessere del bambino per coloro che vogliono prepararsi ad una attività socio-educativa sempre più richiesta dalle famiglie.
Le iscrizioni dovranno pervenire entro il 10/5/22 compilando il modulo di iscrizione, scaricabile dal sito www.donangelocampora.it e dal sito dell’Informagiovani www.informagiovani.al.it e da trasmettere alla mail associazionecampora@gmail.com
Per informazioni: tel. 3337855274.



FAMIGLIE IN MOVIMENTO – Inaugurazione di Andromeda

FAMIGLIE IN MOVIMENTO – Inaugurazione di Andromeda

“Famiglie in movimento” è un progetto realizzato sul territorio ovadese che è stato finanziato dalla Fondazione SociAL e che ha visto il coinvolgimento di diversi partners: la Cooperativa Sociale Azimut, il Consorzio dei Servizi Sociali dell’Ovadese, il Consorzio Idea Agenzia per il Lavoro, CFP Casa di Carità Arti e Mestieri, l’Associazione Sentirsi per Star Bene e l’Associazione Esagono.


L’intento del Progetto, giunto quasi al termine delle sue attività, è stato quello di fornire risposte efficaci e mirate alle famiglie monoparentali con figli minori che trovano particolari difficoltà nel loro percorso verso l’autonomia economica e l’integrazione sociale. Sulla base dei bisogni emersi sono stati elaborati percorsi integrati in armonia con le risposte già esistenti sul territorio che hanno riguardato diversi settori: azioni di baby-sitteraggio, interventi educativi, gruppi di parola, spazi neutri, dispersione scolastica, sostegno psicologico, formazione nel settore “cucina”, orientamento al lavoro.


Il progetto ha costituito un primo passo importante per mettere a fuoco bisogni delle famiglie a cui finora non si è riusciti a dare adeguate risposte, e a rafforzare la rete collaborativa esistente tra enti del territorio.

In prossimità della fine delle attività progettuali, previste al 31/12/2021, è stata organizzata l’inaugurazione ufficiale degli spazi Azimut presso l’Istituto San Giuseppe di Ovada (via Novi, 21), ristrutturati anche grazie al finanziamento ricevuto, come momento di incontro e di condivisione e come step finale per i partecipanti al “Laboratorio cucina” che, guidati dallo chef Yuri Russo, si occuperanno della preparazione del catering. L’evento è previsto per il 10 dicembre alle ore 17.